giovedì 26 agosto 2010

E poi dicono che i giornali sono liberi

Qualunque cosa ci sia scritta qua sotto rispecchia il mio pensiero risalente alla data dell’articolo. per sapere cosa ne penso ora, puoi scrivermi una mail a rpinotti92@gmail.com

Ve lo ricordate Corrado Passera quando lo scorso 19 agosto 2010 faceva il figo in un'intervista al Corriere della Sera?
Bene. Ieri, 25 agosto, lo stesso Corriere pubblica a pagina 35 un interessante articolo di Mario Gerevini: "Da Madeira a Villa d'este, così gli investimenti della società dei Passera".
Si legge:
La famiglia Passera ha una piccola quota di Villa d' Este, la società proprietaria di un lussuosissimo hotel a Cernobbio, sul lago di Como e di un cinque stelle in Toscana. L' acquisizione, del valore di circa un milione di euro, è avvenuta in concomitanza con il rientro da Madeira di una consistente liquidità (oltre 10 milioni) che la società di famiglia aveva parcheggiato dal ' 99 nella zona franca al largo del Portogallo. Di entrambe le operazioni dà conto il bilancio 2009 della Lariohotels la società proprietaria a Como dei quattro stelle Terminus e Villa Flori e posseduta pariteticamente dai fratelli Bianca (50 anni), Antonello (53) e Corrado Passera (55), amministratore delegato di Intesa Sanpaolo.
Peccato che Maderia sia un paradiso fiscale (portoghese) e "quindi - suppone Il Fatto Quotidiano - per dieci anni i Passera hanno avuto consistenti capitali nascosti all'estero (almeno 10 milioni di euro)".  E bravo il nostro Passera che dall'alto della sua trasparenza va a fare la morale alla nostra classe politica.
Inoltre, il fatto che il Corriere abbia pubblicato la notizia a pagina 35 la dice lunga sul peso che le aziende hanno nel consiglio di amministrazione di Rcs. Infatti Passera è il number1 di Intesa San Paolo e quest'ultima è nel CdA del Corriere.

E poi dicono che i giornali sono liberi...