martedì 28 settembre 2010

LUSSANA: Toooooogo!

Finire su BergamoNews per un articolo che critica la propria scuola non capita tutti i giorni.
Figuriamoci su un settimanale di livello nazionale come il Venerdì di Repubblica.
Infatti a pagina 33 del numero 1175 uscito il 24 settembre 2010, in un articolo a firma di Andrea Giambartolomei, si legge:

LA SCUOLA DOVE SI STUDIA CON L'IPAD
(MA IL SOFFITTO HA QUALCHE PROBLEMA)
Arrivano gli iPad in classe, ma nel cortile quando piove "si crea una grande pozzanghera che non permette il passaggio delle persone". Per non parlare del soffitto della biblioteca o dell'intonaco. E poi, i professori non sanno neanche accendere un pc... Lo sostiene sul suo blog Roberto Pinotti, studente del liceo scientifico di Bergamo. Qui, quest'anno, i diciassette studenti della Quarta L sperimenteranno i tablet a lezione, progetto unico in Italia: "Vogliamo vedere se posso sostituire o integrare i libri" spiega la professoressa di lettere Dianora Bardi, che sugue il progetto. Gli studenti e i loro docenti hanno in prestito un iPad ciascuno e sei eBook in classe. Spesa per la scuola: circa diecimila euro. "Li useremo ogni giorno, per poi discutere della loro utilità o dei loro problemi". Non esistono ancora testi scolastici specifici, ma gli alunni così saranno più attivi, spiega la docente. Fino a qualche anno fa il Lussana dava in prestito i testi ad alcuni studenti. Ora "questi strumenti  potrebbero superarli" afferma il preside Cesare Quarenghi. Sulla scuola a pezzi nega: "E' in regola". E il cortile, da anni oggetto di critiche degli studenti? "Sarà sistemato a fine mese".

Come dice sempre Silvano di Camera Café: TOOOOOGO!