sabato 20 novembre 2010

quarantaquattro Sorte in fila per sei col resto di due

Dato che non si capisce mai cosa io voglia scrivere, premetto che quello che segue è il pensiero di Roberto Pinotti. Solo suo. Di nessun altro. Copiràit.

Se prima eravamo in 3000… ora siam rimasti in 1000: al prossimo appuntamento resteranno in quattro gatti.
Alessandro Sorte, vice capogruppo del Popolo della Libertà in Consiglio Provinciale, commenta con ironia la manifestazione studentesca tenutasi mercoledì 17 novembre a Bergamo.
L'articolo, apparso su BergamoNews, è degno di questo blog: sottile ironia e qualunquismo a manetta.
Inanzitutto non si capisce perché il Sorte quando dice 3000 o 1000 usa il "siamo", mentre quando tira in ballo i gatti usa il "resteranno". Boh.
Dall’8 ottobre i partecipanti si sono ridotti a un terzo, sintomo che qualcuno sta cominciando a ricredersi sulla bontà delle proteste della Sinistra. 
Inanzitutto non sono "proteste della Sinistra". Almeno si spera.
A quanto pare il Ministro Gelmini oltre a fare le riforme contribuisce fattivamente a rilanciare l’economia: con le aule vuote per protestare contro di lei, si son riempiti i negozi e i centri commerciali. 
Quindi è come una bilancia: scende la scuola, sale l'economia. Scende il buon senso, salgono le cazzate.
Se un mese fa i manifestanti si son meritati la promozione in tecnica della bigiata, oggi si beccano una bella sfilza di zero. 
"Promozione a tecnica della bigiata". A saperlo andavo anche alla scorsa manifestazione.
E comunque, come fa Sorte a saperlo? Non ditemi che si è travestito da studente e si è furtivamente intrufolato nel corteo. Spero solo che non abbia attuato la "tecnica della bigiata" con una studentessa minorenne. Ah è vero che è del Pdl, scusate.
Zero per aver fatto piombare il centro della Città in un caos insopportabile, con una prepotenza degna dei peggiori ultras. 
Si sapeva da tempo che ci sarebbe stata la manifestazione. Se la gente fosse andata al lavoro in bicicletta o a piedi, non avrebbe avuto problemi.
Zero per aver tentato di raggiungere il collegio Sant’Alessandro per fare chissà cosa, come è successo in altre città italiane. 
Il raggiungimento del collegio Sant'Alessandro era nel programma. In più non vedo perché si sarebbe dovuto fare "chissà cosa" come nelle altre città italiane. Non siamo mica anarchici.
Zero per aver fatto finire in Questura sei minorenni. 
La manifestazione non ha fatto finire in questura nessuno. I sei minorenni, autonomamente, hanno esposto uno striscione dalle mura di città alta sul quale cappeggiava anche la scritta "digos merde". Come si può pretendere di non finire in questura? Anche se il problema non è tanto il sequestro dello striscione; ma il fatto che appena i sei minorenni l'hanno esposto sono arrivate tre volanti. Soffiatina?
Zero, infine, per aver scelto di ergersi a difesa di uno status quo che impedisce alla scuola italiana di riformarsi. Complimenti.
La manifestazione non si è retta "a difesa di uno status quo che impedisce alla scuola italiana di riformarsi". Il corteo era contro la riforma Gelmini. Per quanto mi riguarda dovrebbe essere cambiata la scuola tutta; di certo non come sta facendo il Governo.
Conunque grazie per i complimenti. Tvb.
Il ringraziamento mio e di tutto il PDL va alle Forze dell’Ordine, che hanno contenuto la prepotenza di un migliaio di sfaccendati.
Grazie per lo "sfaccendati". Tv1k8db.