sabato 29 gennaio 2011

diciamo basta

Qualunque cosa ci sia scritta qua sotto rispecchia il mio pensiero risalente alla data dell’articolo. per sapere cosa ne penso ora, puoi scrivermi una mail a rpinotti92@gmail.com

Ecco la lettera (con qualche aggiunta) che ho mandato a BergamoNews ma che non è stata pubblicata (non voglio far polemica):
Caro Direttore,
sono uno studente bergamasco di diciotto anni cresciuto (purtroppo o per fortuna) con valori cristiani: rispetto per gli altri, amore per il prossimo, legalità, etica e morale.
Dunque sono rimasto allibito nello scoprire che ben 1500 persone hanno dato la loro firma per sostenere il nostro Presidente del Consiglio. Come è possibile che delle persone che come me hanno ricevuto un'educazione cattolica (e appoggiano un partito che si definisce tale) possano sopportare i comportamenti di una persona così? Un uomo di 74 anni, malato, che in NESSUN (a parte le dittature comuniste che lui odia tante) altro paese al mondo sarebbe durato un giorno in più dopo la sua famosa discesa in campo di quel lontano 1994, quando io avevo solo due anni. Qual è il messaggio che un uomo del genere, e chi lo difende, dà alle nuove generazioni? Ci si lamenta sempre che gli adolescenti crescano male, e poi lasciamo che quest'uomo faccia quello che vuole. Gli è tutto permesso?  Ed è per questo che, secondo me, è ancora peggio il silenzio della Chiesa, che si è fatta vedere solo negli ultimi giorni con comunicati che da un lato attaccavano la condotta morale del Premier ma dall'altro lamentavano indagini troppo invasine. Un po' a uno, un po' all'altro. I privilegi che il Governo Berlusconi concede alla Chiesa vengono prima degli insegnamenti di Gesù?
Ma si sa: è tutto un complotto. Come se i dialoghi telefonici tra persone fossero un complotto. E non centra essere di destra o di sinistra: centra essere persone dotate di buon senso e cervello. Infatti è stata subito condannata Sara Giudice, consigliera Pdl di Milano, che ha chiesto le dimissioni di Nicole Minetti. Quest'ultima è la stessa che dice a Emilio Fede che ad Arcore si fanno “pompini a trecento euro”. Sono un complotto anche i "pompini a trecento euro"? Ma le 1500 persone che hanno firmato hanno una vaga idea di quello che c'è scritto nelle 389 pagine (più le ultime 227) che la Procura di Milano ha mandato alla Camera? Poi non lamentiamoci se all'estero ci deridono (video BBC). Tutti i giornali internazionali hanno detto basta a questo schifo.
E' ovvio che avremmo preferito mandare via Berlusconi per la P2, per il falso in bilancio (All Iberian 2), per i soldi a Craxi, per la corruzione di David Mills, per Vittorio Mangano (lo stalliere mafioso che ha vissuto a casa sua negli anni Settanta), per le leggi ad personam, per la Mondadori rubata e per i legami con Cosa Nostra. Però, vorrei ricordare, che anche Al Capone fu messo dentro per evasione fiscale.
Poi vabbè, non bisogna dimenticare la cornice: è 17 anni che viviamo in questa bolla dove basta ripetere una cosa a reti unificate che diventa verità (lo diceva Goebbles, il ministro della propaganda nazista, settant'anni anni fa).
Sperando in un mondo migliore,Roberto Pinotti