martedì 2 novembre 2010

Perché Dsas è oltre

Se non siete di sinistra siete out
È stata questa la terribile accusa rivolta a Dsas, quelli del “giornalino”, da nientepopodimeno che Movimento Studentesco, Cgil, Rifondazione comunista e Giovani comunisti. Dato che loro di sinistra se ne intendono (non sarebbero fuori dal parlamento) ci siamo fidati e ce ne siamo andati. Anche perché noi non ci permetteremmo mai di entrare nella loro élite di sinistri sinistroidi, non saremmo all'altezza. Quindi abbiamo preso baracca e burattini (non mi sto riferendo a lor signori, sia chiaro) e abbiamo deciso di percorrere una strada tutta nostra. Una strada inzuppata di estremismi degni del ventennio quali libertà di pensiero e parola senza distinzione di sesso, razza, condizione sociale, partito politico ed ideologie. Perché a noi interessano le idee, da qualunque parte esse arrivino. Ed è questo che a qualcuno fa paura poiché il confronto, il dialogo e la condivisione di progetti esce dagli schemi della politica e fa di noi uomini liberi. Uomini che possono dire quello che vogliono senza aver paura di scontentare quel partito o quel sindacato. Anche perché nel nostro gruppo ci sono studenti che vogliono migliorare o denunciare la propria scuola e non studenti che vogliono indottrinare i loro coetanei. In più molti di essi non si interessano neanche di politica. E questo è quello che è successo sabato 30 ottobre a ToolBox. Il giorno dopo, domenica 31 ottobre, ha avuto luogo (che per giunta fu abusivo) al Csa Pacì Paciana l'assemblea studentesca. Presenti: MovStud, Collettivo Kafka (Sarpi), Collettivo Z (Lussana), Collettivo Don Chisciotte (Polo Gavazzeni), Collettivo Las Attivo (Artistico), Collettivo dell'Agraria. Assenti: quei fascisti di Dsas. Dsas, per i Sinistri Sinistroidi, è assente per colpa della Digos. E dato che loro di Digos se ne intendono, anche questa volta ci fidiamo della giustificazione. Tuttavia, poiché le bugie hanno le gambe corte, è saltata fuori la vera giustificazione: Dsas non c'è perché gli è stato detto che se non si è di sinistra si è fuori, dal momento che mancherebbero le basi per un agire comune. Di conseguenza anche i collettivi Kafka, Lass Attivo e Don Chisciotte hanno preso le distanze da questa assurda classificazione, dicendo che anche a loro non interessa se uno è di destra o di sinistra. Cosa avranno mai fatto allora i Nostri Accusatori? Dall'alto della loro coerenza e sudditanza alla bandiera rossa avranno ribadito la loro conditio sine qua non, senza indietreggiare di un sol passo, come farebbero davanti a un fascio infame; penserete voi. E invece no, con la coda di paglia, hanno girato la frittata a loro piacimento e la condizione è passata dall'essere di sinistra all'essere antifascista. Uguale proprio. Per loro sì, dal momento che pensano che chi è leghista o pidiellino è per forza razzista e vorrebbe vedere tutti i negri di 'sto mondo morti ammazzati. Di conseguenza gli altri collettivi hanno accettato la storia dell'antifascismo e la discussione si è spostata su altri temi. È per tutte queste cose che Dsas ha deciso di allontanarsi dalla crem della falce&martello locale, perché meglio soli che male accompagnati.

43 commenti:

  1. Si, perchè cercare di boicottare (e riuscirci) un'assemblea pubblica E' DA FASCISTI. Non vedo perchè non dovremmo definirvi tali. E tengo a precisare, come faccio ormai da tempo, che il mov stud non è un movimento collegato a rifondazione comunista. Ma tanto con voi, coglioni, sono solo e soltanto parole sprecate. DSASSASSINI!
    Ribadisco, non venite a parlarci di libertà di pensiero e idee, perchè i primi che la intralciano siete voi di DSAS con le vostre azioni poco democratiche.

    RispondiElimina
  2. E' incredibile che nonostante tutto continuate testardamente a sostenere le vostre tesi.
    Dsas,come sostenuto da voi stessi,è nato anche per sostituire il movimento studentesco,in quanto fanno una campagna politica che a dsas non piace.
    VOI DOVETE CAPIRE UNA COSA: I FASCISTI DA CUI DOBBIAMO PROTEGGERCI SONO INNANZITUTTO I FASCISTI IN DOPPIO PETTO,LEGA E PDL, QUELLI CHE MANDANO IL PAESE ALLA ROVINA. IL VOSTRO DISCORSO è DEL TIPO:SIAMO IN DEMOCRAZIA,TUTTO VA BENE. IL NOSTRO DISCORSO è DEL TIPO: ABBIAMO IDEE, CERCHIAMO DI FAR CAMBIARE IDEA ALLA GENTE E PORTARLA DALLA NOSTRA PARTE.
    NON è FORSE CON I VOSTRI STESSI DISCORSI CHE LA SINISTRA ODIERNA HA PERSO OGNI TIPO DI IDEALI E FIDUCIA DEL POPOLO, LASCIANDO ALLA DESTRA FACILI VITTORIE ELETTORALI?
    caro dsassino,è bello vederti scrivere articoli di falsa propaganda verso movimenti a voi scomodi.
    idiota.
    no esiste frase che non sia contestabile nel tuo articolo. Bravo,continua cosi.... Dovrete rendervi conto,prima o poi, del perchè movimenti con una certa esperienza contestano voi,sbruffoni,appena nati e contestatori per ''imporre'' il vostro modo di pensare.

    RispondiElimina
  3. c'e solo una parola per descrivervi.......... siete dei conigli e per di piu fascisti cazzo...ma rampate fuori dalla crisi cazzo se il mov stud non é l'unico ad eservi contro aprite gli occhi e capite che dovete cambiare qualche cosa.
    vi dico solo se non cambierete da soli vi faremo capire come funziona noi.........

    RispondiElimina
  4. simone coffetti3 novembre 2010 02:50

    allucinante! ma come si fa a storpiare la realta in sto modo?
    vi è stato chiesto se eravate di sinistra oppure no? vi è stato detto se volete venire come DSAS domani nessun problema, voi non venite come DSAS e in piu strvolgete i discorsi...
    siete figli del berlusconismo, dove, visto che siamo in democrazia parlano pure gli antidemocratici...

    tanti auguri per il vostro giornalino...sono sicuro di vedere ancora tante copie in giro

    RispondiElimina
  5. roberto stai facendo tutta sta fatica per ottenre visibilità di fronte al capo supremo di DSAS, che guarda caso è lo stesso che vi ha ficcato in questo casino.
    perche lui parla sempre a nome di DSAS senza che gli altri sappiano?
    perche va al paci a dire di essere un collettivo di sinistra e in consulta a dire di essere solo un giornalino?

    state attenti all'alfredo ha dimostrato di essere pericoloso, per il vostro giornalino e per voi tutti

    RispondiElimina
  6. ma vi rendete conto che avete fatto saltare una mobilitazione studentesca?? e per cosa poi? ormai di tutte le versioni che ha fatto circolare l'alfredo ci si possono estrapolare informazioni sufficienti per scrivere un libro sulla presa per il culo mal riuscita;si è reso ridicolo e come è stato già detto..se pensa di avere contro solo il mov stud nella politica scolastica..si guardi un po' attorno!! puoi avere tutti i cazzo di problemi che vuoi con altri collettivi, ma non chiami la polizia e fai saltare un'iniziativa intelligente solo perchè ti rode di non aver avuto l'idea! non sarte fascisti dsassini, ma questa parentesi fa presupporre il contrario. ricordatevi che vogliamo tutti la stessa cosa e in questo modo non si arriverà da nessuna parte! vorrei inoltre far presente che essere del mov stud non vuol dire essere perforza di rifondazione, non ci chiedono la tessera all'ingresso ma ci mettono a disposizione l'edificio come fanno anche con i giovani musulmani, che con la politica non c'entrano proprio un emerito cazzo!
    quindi prima di sparare boiate..contate fino a 10, magari esce fuori qualcosa di più costruttivo!

    RispondiElimina
  7. interessante l'articolo! un po fuorviante, nel senso che dsas era stata invitata domenica ma VOI avete preferito non venire come gruppo...

    ho un leggero dubbio Roberto, tu in nome del "mi sento libero a dire quello che voglio" dai a destra e manca degli: "stronzi"
    Il berlusconismo non ti piace, pero sembra che ti piacciano i modi che questo sistema politico di Palazzo porta con se!

    insultare non è democrazia,
    pisciare addosso al vicino non è libertà(metafora)!
    la liberta dei singoli finisce di fronte alla libertà delle pluralità.

    RispondiElimina
  8. "stronzi" è usato affettuosamente, chiedi ai miei amici

    RispondiElimina
  9. tutti tranne uno nascosti dietro a "Anonimo ha detto..."

    trovo ridicolo il commento "roberto stai facendo tutta sta fatica per ottenre visibilità di fronte al capo supremo di DSAS"

    ma siete matti?? il pino che fa questo per mettersi in mostra? e poi per mettersi in mostra di quello che voi chiamate un capo supremo? a quanto pare avete proprio una visione molto chiusa del mondo... e pensare che quelli di sinistra dicono di aver una mente aperta... rimango sempre più stupito da questo tipo di atteggiamento... e poi voi vi perdete in un bicchier d'acqua come può essere questo articolo di uno studente... ma pensate a tirarvi assieme piuttosto e ad organizzare qualcosa con le palle e nei tempi giusti, senza far cose di corsa!!

    un salutone... francesco chiesa!

    RispondiElimina
  10. ahahahahaahahahahahahahahahahahaha sei proprio disperato !!!! comunque stronzi tienitelo per te non siamo mica tuoi amici !

    RispondiElimina
  11. WOOOOOOW SONO IL CAPO SUPREMO DI DSAS!!!!!
    vorrei ricordare all'anonimo...(uno dei tanti)...che DSAS ha deciso di non venire....non "il capo supremo"...poi ribadisco per i ragazzi purtroppo che erano distratti o non c'erano sabato scorso...l'assemblea non l'ho fatta saltare io...(o dsas per alcuni)...ma la scuola stessa ...poi va beh liberi di dire e fare...ed aggiungo una cosa...se faccio qlc la gente dentro dsas lo sa....poi pronto ad andare via se i ragazzi di dsas lo ritengono opportuno...:)

    RispondiElimina
  12. Io sono d'accordo con Francesco Chiesa quando dice:"non perdetevi in un bicchier d'acqua come può essere questo articolo di uno studente... ma pensate a tirarvi assieme piuttosto e ad organizzare qualcosa con le palle e nei tempi giusti, senza far cose di corsa!!".
    Ormai DSAS dopo questa serie di articoli si è tagliata le gambe con tutte le persone di un minimo di intelligenza.
    Cominciamo a pensarci azioni fighe e che ci uniscano tutti!questi pseudo politicanti ignoranti lasciamoli perdere e non alimentiamo questo fuoco di paglia che si sta creando.

    ciao Luca Pozzolini

    ps:A me di DSAS non me ne frega un cazzo!

    RispondiElimina
  13. A DSAS non è stato proibito di partecipare all'assemblea di domenica, avete scelto voi di non venire .
    E far saltare una mobilitazione studentesca pacifica e già organizzata si, è da fascisti. Senza alcuna motivazione valida, tralaltro.
    Comunque, prova ad aprire un po' gli occhi e rifletti su quello che hai scritto. Essere leghista non vuol dire essere razzista ? Forse no, ma di certo xenofobo si. Come giustificheresti altrimenti tutte le dichiarazioni della lega ? E se uno si dice leghista, dovrebbe trovarsi d'accordo. E dalla xenofobia al razzismo, tante volte ci vuole davvero poco.
    E come hanno già ripetuto tanti prima di me, MOV STUD NON è RIFONDAZIONE ! E tieniti per te gli insulti, che in questo modo non vai proprio da nessuna parte .

    RispondiElimina
  14. Piergiorgio Campoleoni3 novembre 2010 17:41

    Inizio l'intervento confermando che Pinotti una "Stronzo" con gli amici in modo affettuoso :D
    Aggiungo anche due cose:
    Per quanto riguarda l'assemblea pubblica che questi Pseudo-Fascisti di DSAS avrebbero bloccato, suggerisco di chiedere la verità al Collettivo LAS Attivo (non solo alla Chiara..) così scoprirete che DSAS non ha bloccato nulla...
    Riguardo all'essere Fascisti suggerisco di guardare sulla bacheca del Movimento-Studentesco/Rifondazione-Comunista, e guardare i commenti: se non ci sono è perchè me li hanno cancellati uno dietro l'altro a me ed altri (non DsasASSASSINI)...QUESTO È IL VERO FASCISMO....

    Un'altra cosa: Dsas ha deciso di non partecipare alla riunione con i collettivi del 31/10 perchè è stato detto che le basi per fare un progetto comune "devono" essere di sinistra,e visto che Dsas è degli "studenti" e non degli "studenti di sinistra", abbiamo scelto di non parteciparvi .

    Un Saluto a tutti gli Pseudo Fascisti come me che permettono a tutti di parlare!!!

    RispondiElimina
  15. vorrei chiedere ai grandi signori della burocrazia di aggiornarmi sulle ultime novità del lasattivo, visto che non abbiamo ancora avuto una riunione dopo la convocazione di dsas.
    dsas non viene più riconosciuto principalmente per un motivo: il suo direttore(ovvero colui il quale si è presentato solo a tutte le riunioni proposte ai ragazzi del giornalino, vedi tutte quelle per liberi libri)ama intrattenersi telefonicamente con tale "beppe", agente della digos, parlando del più e del meno; a volte lo incontra anche fuori: tutti abbiamo potuto vederlo al corteo dell'8 discorrere con amabilmente con un agente.
    siamo studenti. siamo 2 gruppi di studenti che hanno (o dovrebbero avere) il medesimo scopo: quello di sensibilizzare i nostri coetanei riguardo i problemi che ci circondano. dovremmo lavorare insieme. sarebbemolto più utile che non scannarci. io personalmente vorrei che dsas definisse il suo ruolo: giornalino? collettivo? capo dei collettivi?
    noi di nostra parte abbiamo tentato una collaborazione con voi, ma come referente per tutta l'estate abbiamo visto solo alfredo, sentito solo i suioi pareri, non abbiamo mai avuto un riscontro diretto con gli altri componenti del vostro gruppo.
    per quanto riguarda la faccenda del las, non prendiamoci in giro: i casini sono venuti fuori dopo l'unica riunione del NOSTRO COLLETTIVO in cui alfredo non hai partecipato(non ti ho mai detto nulla perché credevo nell'assemblea e non volevo rovinare il rapporto che avevo con federica. l'idea della chiamata/infamata non so se sia venuta a alfredo o a lei, fatto sta che non è stata decisa in assemblea(a contrario del volantino).
    E NON PRENDIAMOCI IN GIRO SULLE CROCI DISEGNATE SUL QUEL QUADERNETTO LE HAI FATTE APPOSTA, NON SO SE PERCHE' SEI FASCISTA O PER PROVOCAZIONE

    RispondiElimina
  16. ATTENZIONE: alfredo parla con un agente

    nuovo scoop per il mio blog..ti ringrazio tvb

    RispondiElimina
  17. @ pier
    premeto di non aver mai cancellato post.
    noi non veniamo a scrivere contro di voi sulla vostra pagina. voi l'avete già fatto; gli scazzi nostri rimangono tra noi, non sono cosa pubblica, anche perché se mi devi dire qualcosa me la vieni a dire in faccia

    RispondiElimina
  18. ci ha parlato per mezzo corteo, finiamola davvero di prenderci in giro

    RispondiElimina
  19. è vietato forse parlare con gli agenti? fino a prova contraria rappresentano lo stato e io porto rispetto per le istituzioni

    RispondiElimina
  20. ma la smetti di parlare di falce e martello una buona volta?? chi ha mai detto che quelli del pacì o quelli di z sono comunisti?
    qui NON si parla di SINISTRA parlamentare, non si parla di falce e martello, non si parla di stalin.
    l'assemblea del 31 si è trovata per fare POLITICA,cosa che presuppone un'ANALISI e una PRATICA. come puoi basare un'analisi politica senza schierarti politicamente, e non intendo con d'alema o con fini. qua non hai capito che a noi la politica parlamentare e i politicanti di mestiere buoni solo a tenersi la poltroncina ci fanno cagare.
    quando si parla di sinistra noi ci riferiamo a idee più 'alte'. credo che i problemi si risolvano dal 'basso', gli sfruttati contro i padroni.ti faccio un esempio
    la crisi attuale non è saltata fuori dal cappello, non è colpa di immigrati o della cina(anzi dovremmo rigraziarla per averci in parte salvato)
    ma ha delle precisi 'radici' create da un sistema mondiale repressivo, sfruttatore e conservatore( ideologia di destra).
    la base del sistema sta nell'economia,
    il controllo, oltre che militare, è principalmente di ordine economico e qui salta fuori un'analisi di tipo materialista(MArx)
    chiaramente la crisi deve essere sopportata dai 'poveracci', non certo dai 'padroni', con aumento dei precari, con i tagli all'istruzione e ai diritti in generale.
    l'Ordine va però mantenuto, quindi si ai tagli all'istruzione, no a quelli alla difesa, anzi aumentiamo il numero dei militari così se c'è qualcuno a cui non piace c'abbiamo i rinforzi.

    non volevo fare discorsi sui massimi sistemi ma questo ti fa capire che le mie rivendicazioni per maggiori diritti sia sul lavoro sia nella scuola sia nella vita partono da un'analisi di 'sinistra' e si attuano con pratiche di 'sinistra' come i cortei, le assemblee pubbliche, le azioni che possono essere più o meno legali. sei di destra convinto e vuoi venire all'assemblea? bene però ci metto la mano sul fuoco che non sarai d'accordo con la metà delle cose che si dicono e che si fanno.
    chiaro che i messaggi che mando non li mando alla mia cerchia di amici, ma cerco di raggiungere il maggior numero di persone di tutte le parti. chiaro anche che se devo costruire qualcosa di politico lo devo fare con chi è più affine a me e alle mie idee.
    è difficile spiegare questi concetti in primo luogo perchè davvero non mi era mai capitato nella mia storia politica di dover mettere in chiaro che si fa qualcosa di 'sinistra'.era una cosa ovvia.
    per quanto mi riguarda potete restare nel vostro qualunquismo che, per me, è peggio del fascismo. crogiolatevi nella vostra pseudo-democrazia in cui si fa un bel calderone di tutti e tutto e poi vediamo cosa ne esce fuori,
    di sicuro nulla di buono.
    noi le idee le abbiamo ben chiare e se volete capire qualcosa di più l'unico modo è mettervi in gioco e ASCOLTARE prima di parlare.

    RispondiElimina
  21. ribadisco siete proprio ridicoli non ammettete le vostre colpe sopratutto tu pinotti che con quel tono ironico ma nello stesso tempo arrogante fai incazzare la gente cazzo
    cmq io sono sami scusatemi ma non so come mettere il nome é x quello che mi sono presentato come anonimo :)

    RispondiElimina
  22. guarda il problema è semplicemente che in italia la destra non esiste. esistono il pdl e la lega, uno a favore di impunità e illegalità, e l'altro del razzismo. detto questo,purtroppo, oggi escludere la destra ( ovvero escludere movimenti o persone filo pdl e lega) significa escludere razzismo e impunità. Bastava solo precisare che pdl e lega vi fanno cagare e che siete antifascisti e nessuno dei collettivi o tanto meno il paci vi avrebbero fatto problemi. E te lo dico per esperienza: da amministratore del popolo viola(movimento al di fuori di destra e sinistra) avevo provato a chiedere appoggio al paci ed ero stato accolto calorosamente. Io lo dico da neutrale: sono un universitario e non faccio parte di nessun movimento da te elencato.
    Smarcarsi da berlusconi e dalla lega vuole dire essere onesti e antirazzisti, non chiudere il confronto di idee, che penso sia solo che ben accetto al movimento e al paci.

    Gusmini Alessandro

    RispondiElimina
  23. Alcuni elettori della Lega e del Pdl non sono come i loro eletti, lo so perché ci ho parlato.

    RispondiElimina
  24. Daniele Tarolla5 novembre 2010 00:13

    Bella roba, no davvero complimenti:in 23 commenti siamo riusciti a passare dai disegni di croci celtiche fatte apposta per provocare(e che invece di essere ignorate sono state sagacemente vietate)per passare ai massimi sistemi economici marxisti, fino alle diatribe legali (assimilate al fascismo)su 'uh come osi cancellare i miei commenti e le tue foto'. Per non parlare delle simpatiche offese tipo 'stronzi' da una parte e 'conigli','sbruffoni','fascisti','idiota','stronzi' e 'coglioni' dall'altra:insomma non mi pare che sia roba che renda molto onore ne all'allegra brigata protofascista di DSAS e neppure ai Falce&Martello Boys. Soprattutto se riesce ottimamente a sviare un discorso vagamente serio su come affrontare il problema del rapporto studenti-politica. E lo dico come articolista saltuario di DSAS e, visto che dirlo fa molto figo, come persona libera di pensare, anche sull’operato del giornale che gli da l'opportunità di scrivere.

    Bene, dopo aver dato il mio contributo ad abbassare ancor più l'elevato standard della conversazione vorrei cercare di avere almeno una discussione pacifica sul problema, quindi esporrò quel poco che penso d'aver capito dopo la riunione del 30 Ott. e dopo quasi 1 anno di permanenza nella redazione di Intervallo(e spero che qualcuno mi corregga, magari persino senza insulti).

    Da quel poco che ho capito DSAS è nato come redazione 'giornalistica', ed ha a priori nella sua linea editoriale gl'inviolabili principi di PLURALISMO e DEMOCRATICITA':ossia il dovere di dare spazio sul giornale a tutti coloro che abbiano un articolo a tesi o di cronaca supportato da idee e fonti credibili, purchè queste ultime non vadano contro lo STATUTO del giornale e siano quindi razziste, sessiste ecc. Se si seguono queste regole allora possono scriverci tutti, dal militante di Lotta Comunista a quello di Forza Nuova senza dimenticare chi non vota e chi della politica se ne sbatte beatamente i cococò. E questo principio su un giornale che, a parte pochi articoli e interviste, fino ai primi 2 numeri è stato cosparso di articoli di opinione o comunque aggressivi verso la maggioranza attuale, è l’unico metodo per garantire la terziarietà del giornale verso i lettori, qualunque idea politica essi abbiano. Questo lo vorrei mettere in chiaro a tutti coloro che accusano DSAS d’essere fascista, soprattutto dopo che il ragazzo corpulento con la barba simile a Giuliano Ferrara(vi prego ditemi il suo nome...)in barba all’art. 21 Cost. voleva vietare a Pier di poter esprimere liberamente la sua contrarietà alle bandiere di partito in manifestazione(oltre a volerlo accusare di fascismo, un classico ormai).

    Soltanto in un secondo tempo DSAS(inteso stavolta come un nuovo collettivo con un suo statuto e non proprio come giornale)si è interessato a creare gruppi studenteschi consapevoli dei problemi della scuola e della società, i cosiddetti ‘collettivi’. Solo che Alfredo(e faccio il suo nome perché lui in primis ha sudato le mitologiche sette camicie tra i ragazzi dei collettivi)a quel poco che ho capito, ha compiuto il peccato capitale di sostenere dei collettivi aperti a tutti gli studenti, anche a quelli che non vogliono riconoscersi in idee politiche di ‘Sinistra’, cosa che temo non sia andato molto a genio a molti dei presenti della riunione di sabato. O mi sbaglio? Spero che si sia capito quindi che non è un obbiettivo di DSAS quello di sostituirsi al Mov. Stud. , ma solo dare maggiore autonomia ai collettivi, visto che consideriamo il Mov.Stud. troppo influenzabile e/o vicino al Prc, ergo un movimento dedito indirettamente anche all’indottrinamento politico.

    RispondiElimina
  25. Bella roba, no davvero complimenti:in 23 commenti siamo riusciti a passare dai disegni di croci celtiche fatte apposta per provocare(e che invece di essere ignorate sono state sagacemente vietate)per passare ai massimi sistemi economici marxisti, fino alle diatribe legali (assimilate al fascismo)su 'uh come osi cancellare i miei commenti e le tue foto'. Per non parlare delle simpatiche offese tipo 'stronzi' da una parte e 'conigli','sbruffoni','fascisti','idiota','stronzi' e 'coglioni' dall'altra:insomma non mi pare che sia roba che renda molto onore ne all'allegra brigata protofascista di DSAS e neppure ai Falce&Martello Boys. Soprattutto se riesce ottimamente a sviare un discorso vagamente serio su come affrontare il problema del rapporto studenti-politica. E lo dico come articolista saltuario di DSAS e, visto che dirlo fa molto figo, come persona libera di pensare, anche sull’operato del giornale che gli da l'opportunità di scrivere.

    Bene, dopo aver dato il mio contributo ad abbassare ancor più l'elevato standard della conversazione vorrei cercare di avere almeno una discussione pacifica sul problema, quindi esporrò quel poco che penso d'aver capito dopo la riunione del 30 Ott. e dopo quasi 1 anno di permanenza nella redazione di Intervallo(e spero che qualcuno mi corregga, magari persino senza insulti).

    Da quel poco che ho capito DSAS è nato come redazione 'giornalistica', ed ha a priori nella sua linea editoriale gl'inviolabili principi di PLURALISMO e DEMOCRATICITA':ossia il dovere di dare spazio sul giornale a tutti coloro che abbiano un articolo a tesi o di cronaca supportato da idee e fonti credibili, purchè queste ultime non vadano contro lo STATUTO del giornale e siano quindi razziste, sessiste ecc. Se si seguono queste regole allora possono scriverci tutti, dal militante di Lotta Comunista a quello di Forza Nuova senza dimenticare chi non vota e chi della politica se ne sbatte beatamente i cococò. E questo principio su un giornale che, a parte pochi articoli e interviste, fino ai primi 2 numeri è stato cosparso di articoli di opinione o comunque aggressivi verso la maggioranza attuale, è l’unico metodo per garantire la terziarietà del giornale verso i lettori, qualunque idea politica essi abbiano. Questo lo vorrei mettere in chiaro a tutti coloro che accusano DSAS d’essere fascista, soprattutto dopo che il ragazzo corpulento con la barba simile a Giuliano Ferrara(vi prego ditemi il suo nome...)in barba all’art. 21 Cost. voleva vietare a Pier di poter esprimere liberamente la sua contrarietà alle bandiere di partito in manifestazione(oltre a volerlo accusare di fascismo, un classico ormai).

    Soltanto in un secondo tempo DSAS(inteso stavolta come un nuovo collettivo con un suo statuto e non proprio come giornale)si è interessato a creare gruppi studenteschi consapevoli dei problemi della scuola e della società, i cosiddetti ‘collettivi’. Solo che Alfredo(e faccio il suo nome perché lui in primis ha sudato le mitologiche sette camicie tra i ragazzi dei collettivi)a quel poco che ho capito, ha compiuto il peccato capitale di sostenere dei collettivi aperti a tutti gli studenti, anche a quelli che non vogliono riconoscersi in idee politiche di ‘Sinistra’, cosa che temo non sia andato molto a genio a molti dei presenti della riunione di sabato. O mi sbaglio? Spero che si sia capito quindi che non è un obbiettivo di DSAS quello di sostituirsi al Mov. Stud. , ma solo dare maggiore autonomia ai collettivi, visto che consideriamo il Mov.Stud. troppo influenzabile e/o vicino al Prc, ergo un movimento dedito indirettamente anche all’indottrinamento politico.

    RispondiElimina
  26. Bella roba, no davvero complimenti:in 23 commenti siamo riusciti a passare dai disegni di croci celtiche fatte apposta per provocare(e che invece di essere ignorate sono state sagacemente vietate)per passare ai massimi sistemi economici marxisti, fino alle diatribe legali (assimilate al fascismo)su 'uh come osi cancellare i miei commenti e le tue foto'. Per non parlare delle simpatiche offese tipo 'stronzi' da una parte e 'conigli','sbruffoni','fascisti','idiota','stronzi' e 'coglioni' dall'altra:insomma non mi pare che sia roba che renda molto onore ne all'allegra brigata protofascista di DSAS e neppure ai Falce&Martello Boys. Soprattutto se riesce ottimamente a sviare un discorso vagamente serio su come affrontare il problema del rapporto studenti-politica. E lo dico come articolista saltuario di DSAS e, visto che dirlo fa molto figo, come persona libera di pensare, anche sull’operato del giornale che gli da l'opportunità di scrivere.

    Bene, dopo aver dato il mio contributo ad abbassare ancor più l'elevato standard della conversazione vorrei cercare di avere almeno una discussione pacifica sul problema, quindi esporrò quel poco che penso d'aver capito dopo la riunione del 30 Ott. e dopo quasi 1 anno di permanenza nella redazione di Intervallo(e spero che qualcuno mi corregga, magari persino senza insulti).

    Da quel poco che ho capito DSAS è nato come redazione 'giornalistica', ed ha a priori nella sua linea editoriale gl'inviolabili principi di PLURALISMO e DEMOCRATICITA':ossia il dovere di dare spazio sul giornale a tutti coloro che abbiano un articolo a tesi o di cronaca supportato da idee e fonti credibili, purchè queste ultime non vadano contro lo STATUTO del giornale e siano quindi razziste, sessiste ecc. Se si seguono queste regole allora possono scriverci tutti, dal militante di Lotta Comunista a quello di Forza Nuova senza dimenticare chi non vota e chi della politica se ne sbatte beatamente i cococò. E questo principio su un giornale che, a parte pochi articoli e interviste, fino ai primi 2 numeri è stato cosparso di articoli di opinione o comunque aggressivi verso la maggioranza attuale, è l’unico metodo per garantire la terziarietà del giornale verso i lettori, qualunque idea politica essi abbiano. Questo lo vorrei mettere in chiaro a tutti coloro che accusano DSAS d’essere fascista, soprattutto dopo che il ragazzo corpulento con la barba simile a Giuliano Ferrara(vi prego ditemi il suo nome...)in barba all’art. 21 Cost. voleva vietare a Pier di poter esprimere liberamente la sua contrarietà alle bandiere di partito in manifestazione(oltre a volerlo accusare di fascismo, un classico ormai).

    RispondiElimina
  27. Soltanto in un secondo tempo DSAS (inteso stavolta come un nuovo collettivo con un suo statuto e non proprio come giornale) si è interessato a creare gruppi studenteschi consapevoli dei problemi della scuola e della società, i cosiddetti ‘collettivi’. Solo che Alfredo (e faccio il suo nome perché lui in primis ha sudato le mitologiche sette camicie tra i ragazzi dei collettivi) a quel poco che ho capito, ha compiuto il peccato capitale di sostenere dei collettivi aperti a tutti gli studenti, anche a quelli che non vogliono riconoscersi in idee politiche di ‘Sinistra’, cosa che temo non sia andato molto a genio a molti dei presenti della riunione di sabato. O mi sbaglio? Spero che si sia capito quindi che non è un obbiettivo di DSAS quello di sostituirsi al Mov. Stud., ma solo dare maggiore autonomia ai collettivi, visto che consideriamo il Mov.Stud. troppo influenzabile e/o vicino al Prc, ergo un movimento dedito indirettamente anche all’indottrinamento politico.

    Per quanto riguarda la telefonata ‘infame’ alla Digos spero non ci sia davvero così tanto da infiammarsi per vari ‘boicottaggi da fascisti’: in primis quando Alfredo chiamava, all’Artistico c’era già la polizia locale; in secundis non ci trovo nulla di male a parlare con agenti della Digos, soprattutto dato che non ha sputtanato nessuno e tenendo in conto che molti dello schieramento Prc-Cgil-Mov.Stud c’avevano già parlato per altre manifestazioni; e soprattutto Alfredo si è scusato per aver contattato la Questura a nome di un Collettivo, dato che un esterno di DSAS non doveva rappresentarlo in quel momento, visto che DSAS stesso non deve influenzare i collettivi, ma solo dargli la spinta per nascere.

    In ultima analisi, spero di aver fatto capire che il nuovo Collettivo di DSAS non ha tutto a un tratto fatto un voltagabbana all’italiana, anzi: sabato 30 Ott. ha fatto capire che ha delle idee, e non sono qualunquiste, ma neppure inquadrabili dogmaticamente nella nobilissima area politica di Sinistra; soprattutto spero si sia compreso che DSAS è d’accordo con il Mov.Stud. quando si parla di manifestazioni contro la riforma Gelmini e su varie altre tematiche su cui (penso, anche se non ne sono per nulla sicuro) si possa ancora collaborare; ma non può essere d’accordo sempre e a prescindere su qualsiasi cosa.

    Sperando di ricevere addirittura una risposta vi saluto,
    Daniele Tarolla

    P.S. Ho un’ultima domanda per Anonimo (uno dei tanti…) che ha detto: ‘’vi dico solo se non cambierete da soli vi faremo capire come funziona noi’’. Ecco mi stavo chiedendo se dietro a questa affermazione c’è un significato più profondo o se è solo una simpatica intimidazione che ricorda lo stile corleonese-mafioso di ultimo grido. Grazie ancora a tutti quei martiri che si sono letti tutta la solfa che ho scritto.

    RispondiElimina
  28. infatti la maggior parte sono solamente ignoranti! se sapessero chi votano non lo farebbero mai. ma in ogni caso basta solo che ti dichiari contro il pdl e la lega non contro i loro elettori ignoranti, non vedo il problema

    RispondiElimina
  29. la mossa migliore che potevate fare è far uscire un articolo su bg newz intitolato 'tensione tra i collettivi'.
    perfetto visto che si sta organizzando assieme un corteo per il 17 e di tensione c'è stata solo con dsas.pensate di 'tirare' a voi più gente per vincere la 'battaglia' contro i COMUNISTI???
    vi lascio alla vostra povertà e ai vostri giochetti da politicanti.
    COMPLIMENTONI!
    p.s un'altra sparata come questa il cui unico scopo è dividere, e la falce e il martello ve la tiriamo in testa.
    Falce&MartelloBoyz

    RispondiElimina
  30. http://www.bergamonews.it/provincia/articolo.php?id=33470

    Complimenti, un articolo decisamente imparziale.
    Già dal titolo, TENSIONE TRA COLLETTIVI STUDENTESCHI, che tesioni tra i collettivi non si capisce bene quando ci siano state.

    Per concludere in bellezza,
    "Insomma, il clima è teso. Anche perché Dsas, nato da pochi mesi, sta raccogliendo molti simpatizzanti tra gli studenti delle scuole superiori. Un successo che il Movimento studentesco non vede di buon occhio."

    facile sminuire tutto per ridurlo all'invidia, eh ? No, complimenti davvero.

    RispondiElimina
  31. pota regà,il punto l'ha già detto l' "articolista saltuario" di DSAS.
    dsas era un giornalino,perfetto.
    dsas è DIVENTATO un collettivo.perfetto.
    i collettivi per una collaborazione con dsas chiedono di essere "di sinistra",ma non SINISTRA nel senso tesserati a staminchia o a stocazzo,ma sinistra intesa come scelta di boicottaggio verso alcune politiche sociali che ci sono da sempre (e che ultimamente si stanno espandendo) come il fascismo (non serve essere tesserato a forza nuova per essere un fascista,non si può ridurre a questo il concetto di fascismo),il razzismo (non serve andare a bruciare i negri per essere razzista),il sessismo (se dici che te ne sbatteresti mille in un giorno,senza dare una dignità e un rispetto ad ognuna di esse sei sessista) e così via..
    dsas non poteva accordare con tutto questo dato che il "tutti possono parlare" ti ingloba anche soggetti come quelli che ho elencato brevemente sopra,quindi DSAS ha deciso di non aderire all'assemblea dei collettivi.

    RispondiElimina
  32. Poi invece sul fatto della digos alfredo ha ammesso di averci parlato più volte e per svariati motivi,alla fine penso quasi "ludici",perchè io di solito non vado in questura a prendermi un caffè perchè non so che fare,tanto meno in un corteo faccio quattro chiacchere con il mio amico Digotto mentre il suo collega filma tutto e tutti..
    Questa è stata una mossa pericolosissima che i collettivi pensano sia assurda,tant'è che ci si è trovati una volta solo per parlare di questo..
    Poi sono state parole dello stesso alfredo dire "dsas è nato per contrastare il movimento studentesco",roba assurda per chiunque voglia intraprendere un cammino in una lotta sociale,affiancato da altri movimenti..
    boh,non vedo cos'altro ci sia da dire.
    dsas si è tirato fuori,spero continui nel suo percorso,mi auspico però senza buttare merda su altri movimenti,tutto qua.

    buon pomeriggio a tutt*

    deste

    RispondiElimina
  33. non posso credere che con tutte queste discussioni stiamo veramente perdendo di vista quello che deve essere il nostro principale obiettivo!! Il nostro scopo dovrebbe essere manifestare il nostro dissenso per la riforma ed organizzarci per promuovere azioni che possano coinvolgere il maggior numero possibile di studenti. Sembra che qui si cerca più di distruggere che di creare.. veramente veramente non ce lo possiamo permettere!! Per trovarsi per le discussioni politiche meglio organizzarsi per delle serate in compagnia..inoltre non mi sembra giusto criticare il Paci Paciana che ha messo ha disposizione un luogo di incontro e si è imopegnato per contattare collettivi e studenti per organizzare un'assemblea che aveva come unico scopo quello di unire i vari movimenti studenteschi..Chiariamoci le idee..

    RispondiElimina
  34. X Anonimo (credo ti chiami deste...)

    Mi spiego meglio: secondo me idee politiche antirazziste, antisessiste e antifasciste non necessariamente sono solo dell'area di 'Sinistra', anzi: sono posizioni che possono prendere (e che nella storia hanno preso) anche molti politici ed elettori cristiani e liberali, che essendo grossolanamente raggruppabili rispettivamente nell'area politica di 'Centro' e di 'Destra' non sono esattamente di 'Sinistra'.

    E' per questo semplice motivo che il Collettivo di DSAS non può dirsi di sinistra, ma può comunque dirsi antisessista, antirazzista, antifascista e democratico, senza per questo cadere nel qualunquismo e dover escludere così ragazzi di centro o di destra.

    Seguendo questo ragionamento vorrei poi precisare che Alfredo non ha mai detto in un assemblea (almeno in quelle del Collettivo Dsas) di voler contrastare il Mov. Stud., ma solo di voler dare il via a dei Collettivi formati da studenti che non debbano per forza riconoscersi nella storia e nelle idee di sinistra. Poi i collettivi, una volta formatisi, saranno indipendenti e liberi di fare le loro scelte, e se vorranno essere tutti di sinistra, previa votazione favorevole, saranno tutti di sinistra. Non vedo quindi il motivo per indottrinare subito politicamente degli studenti, che essendo adolescenti, hanno ancora quasi tutti idee(anche politiche) ancora da definire.

    A risentirci,
    Daniele Tarolla

    RispondiElimina
  35. E pensare che uno dei più strenui oppositori di Mussolini e di Hitler fu il presidente francese De Gaulle. Di destra.

    RispondiElimina
  36. dimentichi la gloriosa armata rossa...

    RispondiElimina
  37. Ho un'ultima considerazione e un'ultima domanda da fare al Mov. Stud.:

    Abbiamo capito che DSAS e il Movimento non hanno esattamente le stesse idee politiche e che quindi DSAS non può dirsi di 'Sinistra'; tuttavia penso che le due associazioni abbiano almeno alcuni obbiettivi in comune: non vedo quindi perchè non dovremmo cooperare in quei progetti in cui ci troviamo d'accordo, lasciandoci stare invece in quelle battaglie su cui abbiamo idee divergenti.

    Faccio un esempio fittizio: se il Mov. proponesse una manifestazione contro la riforma Gelmini e Dsas condividesse l'idea allora sarebbe utile aiutarsi a vicenda per la buona riuscita del progetto. Se invece il Mov. proponesse qualcosa come una manifestazione per liberalizzare le droghe leggere e DSAS non fosse d'accordo, allora potremmo andare ognuno per la propria strada senza accusarci o insultarci a vicenda.

    Ovviamente quello che ho scritto è solo un esempio, magari sbagliato, che però mi è utile per far capire la mia proposta, che ritengo un po' più 'costruttiva' rispetto ai vari comunicati emanati tramite BgNews che (ritengo) abbiano solo acuito e reso pubbliche le nostre divergenze.

    Aspetto volentieri vostre risposte,
    Daniele Tarolla

    RispondiElimina
  38. we ragazzi,ripigliatevi un attimo.
    la politica non è quella che vedete al telegiornale dove "destra" e "sinistra" stanno per LEGA ( ecc..) e Comunisti italiani.

    io personalmente rivendico certi ideali che mi connotano senza dubbio in una certa AREA politica (attenzione:area,non partito!).
    E certi ideali non è come dite voi che possono rivendicarseli tutti.
    il leghista può non avere l'odio verso l'altra "razza",ma finchè sosterrà quel partito indirettamente (neanche troppo) promuoverà le metodologie e le campagne di quel partito.

    Se per me la casa è un diritto PER TUTTI/E ,non voterò mai lega,perchè loro invece si basano sul classico "PRIMA GLI ITALIANI",quindi la famiglia araba si attacca al cazzo e viene sfrattata.

    e qua si ricollega il discorso della "vostra" democrazia:parlano tutti.
    perfetto.
    date parola a forza nuova?
    Quindi sostenete comunque la loro causa in questione.
    Grandi.Così sostenete un partito che costruisce la propria politica su violenza,sessismo,omofobia e razzismo.
    ...
    cazzo merda vacca!!!ma voi avete uno statuto?!??!cazzo si!ops!aspetta che leggo...
    cavolo,vedo un paio di incongruenze...anche belle grosse...provate a guardare voi.

    deste

    RispondiElimina
  39. vi proclamate antifascisti e siete pronti a supportare una causa di un partito (o di qualsiasi altra cosa) anche se ha idee dichiaratamente fasciste,basta che sia d'accordo con voi su una (minima)cosa..
    questo non è (grazie a dio) antifascismo,questo è qualunquismo e ignoranza che prende il sopravvento.

    e se volete continuare con la vostra lotta continuate,ma per favore non disonorate un movimento che ha come base una base lontanissima (questo è quello che penso io) dalla vostra.

    di questo passo a breve andrete a braccetto con gli stessi fascisti che hanno accoltellato nostri COMPAGNI,con quelli che hanno ammazzato a bastonate gli immigrati,con quelli che dell'odio fanno la loro bandiera.

    http://archive.globalproject.info/art-13293.html

    se vuoi articoli e/o altro basta chiedere

    deste

    RispondiElimina
  40. Art.4: DSAS opera e agisce secondo il suddetto Statuto che è stilato secondo principi inscindibili quali Democraticità, A-Partiticità e tutti i valori atti a contrastare comportamenti irrispettosi, razzisti, xenofobi, omofobi, sessisti, e tutte le discriminazioni religiose e culturali. Ogni membro di DSAS, per farne parte, deve aderire a questi principi fondamentali.


    A meno che non sappia l'italiano, io l'antifascismo non lo trovo

    RispondiElimina
  41. Ascolti buon deste,
    credo proprio che lei non abbia letto nessun mio commento, o li abbia dimenticati (cosa comprensibilissima, del resto sono lunghi e soprattutto noiosi).

    Vorrei rispiegare una cosa basilare e comprensibile perfino dai nani da giardino: il GIORNALE Intervallo ha nella linea editoriale i principi di PLURALISMO e DEMOCRATICITA': ergo dobbiamo dare spazio sul giornale (o sul sito) a tutti quegli studenti che vogliono pubblicare un articolo serio, e con idee che non vadano contro lo STATUTO del giornale (e quindi negli articoli non devono esserci frasi razziste, sessiste e tutte quelle brute cose). Se si seguono queste semplici regoline allora può scriverci anche un militante di Forza Nuova; ma stai sicuro che se il militante vuole ad ogni costo mettere frasi razziste non gli viene pubblicato un beneamato tubo. Questo perchè dare parola persino (ma non solo) a Forza Nuova è una forma di DEMOCRAZIA, invece pubblicare solo articoli favorevoli all'area di Sinistra sarebbe FAZIOSITA' e PROPAGANDA POLITICA.

    Per quanto riguarda il COLLETTIVO DSAS, è anch'esso aperto a tutti gli studenti, però si badi bene ad una cosa: alla fine le decisioni vengono prese nelle assemblee con votazione a maggioranza: quindi puoi star sicuro che finchè la metà dei componenti di DSAS non saranno fascisti allora non verrà sostenuta nessuna posizione fascista.

    Spero di essere stato vagamente chiaro (anche se nel migliore dei casi il post verrà ignorato)
    Daniele Tarolla

    RispondiElimina
  42. Pur non sapendo l'accaduto e non volendolo giudicare se non di persona, tutto quello che mi viene da dire è che ho provato una profonda delusione nel leggere il tuo articolo..
    tra i tuoi post parli di libertà,costituzione, confronto...
    Da TARANTO il messaggio che arriva è semplice, freddo e di facile comprensione: se si va in giro dicendo di essere fascisti (o facendolo intendere) bisogna farlo con coerenza e serietà in tutti i suoi aspetti, altrimenti lasciate perdere oppure passate dall'altra parte perchè mi sa tanto che avete sbagliato schieramento..
    Deluso di non aver trovato una città che ritenevamo essere largamente rossa, la Taranto antifà saluta e attacca: odio per i luridi fascisti..da ovunque essi provengano e COMPROMESSI,QUALUNQUISMO e "STIAMO DOVE CI PIACE DI PIU" non possono esistere..

    CSOA Cloro Rosso Taranto

    RispondiElimina